BodyRolling - Miofasciale

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

BodyRolling

BodyRolling

Aggiornamento: Novembre 2012 : Palla wellness

 
 


Palla sensoriale rigida

 

Dotata di circa 200 "sensori" sapientemente dimensionati e posizionati per permettere il massaggio migliore. Utile, semplice ma innovativa, richiama concetti quali la digitopressione e lo Shiatzu. Quando il nostro peso è sopra la palla sensoriale, i rilievi in superficie massaggiano il nostro corpo penetrando in profondità. Con questa palla si distendono e disperdono le tensioni muscolari, si aiuta il sistema circolatorio, si favorisce l'ossigenazione dei tessuti.
Il diametro è di 20 cm ed è dotata di valvola per il gonfiaggio.  La più venduta.




Palla sensoriale
morbida

 

Valgono le stesse considerazioni fatte per la palla sensoriale verde, ma questo modello è più morbido. E' dotata di valvola per il gonfiaggio.



Mini-palla sensoriale


 
 
 

Ottimo articolo da utilizzare per la stimolazione del tessuto fasciale.
Adatto per tutto il corpo in quanto disponibile in quattro dimensioni:  6 - 8 - 9 - 10
cm.  Non gonfiabile. Va molto bene per il massaggio della flascia plantare richiamando così concetti quali la riflessologia con la quale, massaggiando particolari punti del piede, si ottiene un benefico effetto in altre parti del corpo. Con questo tipo di palla riusciamo ad eseguire,oltre a decine di esercizi di ginnastica dolce, esercizi mirati di rilascio miofasciale per i muscoli estensori e flessori del polso, infraspinato e piccolo rotondo,capsula posteriore della scapola, latissimo dorsi, pettorale maggiore, piriforme, tibiale anteriore, peroneo,fascia plantare. Un generico massaggio della fascia plantare può essere sufficiente per regalarci una piacevole sensazione di benessere e tranquillità.



Palla medica

 

La palla medica è ormai conosciuta da tutti, sportivi e non, ed è introdotta nei piani di allenamento in quasi tutti gli sport e nelle scuole. Il tipo di palla che proponiamo è leggermente diverso dai soliti che si trovano in commercio per i seguenti motivi:
- è più morbida, se cade in un piede o addosso provoca meno "danni" rispetto ad una normale; la morbidezza esterna permette alle nostre prominenze ossee di penetrare, ma allo stesso tempo è abbastanza rigida per poter eseguire un automassaggio efficace.
- il peso la rende più stabile nelle rotazioni ed in questo modo riusciamo a spostarci sopra di essa senza che si sposti di molto in maniera molto precisa e con movimenti anche molto piccoli
- ha dimensioni contenute e leggermente variabili in base al peso. Si parte dai 15cm della palla da 2 Kg per passare ai 17cm della 3Kg, 20 per la 4 kg e 23 per i 5Kg.
-La superficie è antiscivolo, può essere gonfiata, offre una rigidità superiore rispetto al foamroller o altri tipi di palla, si tiene in mano facilmente, può essere utilizzata per tutti gli esercizi specifici di "core strenght". Forse acquistare una palla medica per eseguire solo esercizi di automassaggio è un po' dispendioso, ma vale la pena scegliere questo modello perchè offre dei sicuri vantaggi.


La palla morbida

 

L'immagine non da giustizia a questa palla. La caratteristica principale è infatti la morbidezza del materiale con cui è realizzata. La palla morbida è un prodotto economico, con il quale si possono effettuare decine di esercizi di ginnastica dolce, per migliorare l'equilibrio, la forza, la coordinazione,la mobilità del bacino, del busto, del dorso delle spalle, per eseguire esercizi di allungamento e rilassamento. E' molto valida per esercizi dedicati alla zona cervicale. Eseguendo gli stessi esercizi con pressioni della palla diverse, si ottengono anche risultati diversi. La sensazione che avvertiamo quando appoggiamo le nostre scapole sopra la palla è quella di sprofondare e lasciare la nostra impronta mentre le nostre prominenze ossee sono assorbite grazie anche alla morbidezza del materiale.



Palla wellness

 

Piccola , morbida efficace. Gonfiabile con una normale pompetta, questa palla è ottima quando con il nostro corpo eseguiamo sopra di essa piccoli movimenti direzionali o circolari per il basso schiena, le gambe, le spalle, le braccia. Viene utilizzata anche per esercizi dedicati alla zona cervicale.
La superficie è morbida al tatto e "gommosa" caratteristica utile per non farla scivolare dalle mani. Economica, ricordiamo che si tratta di un prodotto realizzato in conformità a severe normative in cui si vietano l'uso di lattice, ftalati, metalli pesanti.





MiniRoll

 

Minirullo diametro 6,5 cm; Lunghezza 15,5 cm.
Colore verde, ha 357 minipunte alte circa 4 mm che penetrano nel tessuto più o meno a seconda della pressione esercitata. Il diametro è lo stesso di una pallina da tennis.
Per il massaggio di varie parti del corpo, la forma gli permette di essere più stabile rispetto una pallina.  Massaggio della schiena, del collo, massaggio plantare, sono solo alcuni esempi.
Conforme alle direttive CE N° 1907/06 REACH
Non contiene Ftalati
Medical device Class 1  93/42 CEE



NOZIONI


"Bodyrolling" è il nome dell'attività che si svolge muovendo il nostro corpo in diverse direzioni ed angolazioni sopra palle di diversa forma, superficie, dimensione, durezza, pressione.

Molti degli esercizi che si effettuano con il foamroller possono essere eseguiti anche con le palle.
Con le palle possiamo eseguire da soli un massaggio dei nostri tessuti a scopo terapeutico, preventivo o riabilitativo. A livello sportivo, lavorando con le palle ( ma in generale sulla fascia ) si riesce ad incrementare le proprie prestazioni. Fin dal primo periodo in cui si eseguono gli esercizi si riesce a constatare il miglioramento della flessibilità e del movimento del corpo.
Con la palla si aggiunge un elemento in più rispetto al foamroller: l'instabilità. Rispetto al roller e' come se si aggiungesse ai movimenti una dimensione  (2D---->3D).
Stimolando con il movimento il tessuto fasciale si migliora automaticamente il nostro sistema propriocettivo; riusciamo in questo modo a:
- tenerci alla larga da alcune patologie (che spesso non trovano spiegazione o soluzione con la   medicina tradizionale)
- migliorare la qualità dei nostri movimenti in ogni situazione, l'equilibrio,  la coordinazione motoria, la trasmissione di forza e potenza (chi pratica weightlifter dovrebbe conoscerne l'importanza)
- ripristinare e riprogrammare schemi motori, persi a causa di traumi; evitare possibili e probabili ricadute.
In altre parti del mondo le tecniche di auto massaggio e di rilascio miofasciale con l'utilizzo delle palle sono presenti da molti anni ed hanno ottenuto una larga approvazione da chi ne insegna la tecnica e da chi la impara.
L'utilizzo della palla, magari affiancato al foamroller, può esserci di aiuto per il miglioramento del nostro benessere quotidiano. Ricordiamo che anche un leggero massaggio superficiale a livello di pelle, può avere effetti profondi nel nostro sistema nervoso, centro di comando di tutte le attività corporee fisiche e psichiche. La relazione tra pelle e sistema nervoso è presto spiegata: il sistema nervoso e l'epidermide nascono infatti, a livello embrionale, dallo stesso elemento (ectoderma) ed in virtù di questo legame il massaggio esterno sulla nostra pelle, preciso e studiato,  si trasforma in messaggi diretti al nostro cervello e quindi vengono elaborati e trasmessi agli organi interessati.

Contemporaneamente al massaggio ed all'allenamento propriocettivo contribuiamo, con l'esercizio costante, a
rinforzare la muscolatura del "CORE" (si pronuncia..."koor") , la zona centrale del movimento umano, il centro funzionale del corpo, responsabile della trasmissione di energia dalle grosse masse corporee alle più piccole e periferiche.  Il Core non è una precisa entità definita anatomicamente, comunque coinvolge i muscoli tra spalle e bacino; in termini generali i muscoli del Core sono la muscolatura addominale e la parte bassa della schiena e la loro funzione è principalmente quella di trasferimento o passaggio della forza dalla parte inferiore a quella superiore del corpo. Il concetto del " core " è molto importante, ma molto vasto, e non possiamo trattare qui in poche righe. Possiamo semplicemente dire che  essendo costituito da muscoli “centrali” del nostro corpo, un “Core” o “Centro” forte consente di stabilizzarci efficacemente, esprimendo più forza. La stabilità è l’abilità di controllare la forza ed il movimento. La stabilità del Core garantisce un potente aggancio tra la forza della parte inferiore del corpo e quella superiore. Tanta più potenza è utilizzata agli estremi (sia mani che piedi) tanta più è la richiesta di stabilità della zona centrale.
Allenare il Core significa anche allenare la colonna e il bacino per controllare le situazioni instabili.
Se il Core è debole, i nostri movimenti saranno inefficienti e poveri di energia, possono insorgere lombalgie e le attività quotidiane e sportive possono risentirne in termini di prestazione. (Consigliamo di approfondire l'argomento con letteratura disponibile in rete; un articolo molto valido, purtroppo in inglese, da cui abbiamo tratto molte conclusioni è stato scritto da Mark D. Fariess e Mike Greenwood (Baylor university, Texas) e si trova a questo indirizzo (
Core training: stabilizing the confusion ---->711Kb). In ambito sportivo l'allenamento del "CORE" permette ai muscoli periferici di generare potenza, diminuendo il rischio di infortuni. E' particolarmente importante soprattutto negli sport dove si verificano traiettorie circolari, cambi di direzione, molte torsioni e si verificano accelerazioni fulminee e brusche decelerazioni .  Quindi CORE è tutt'altro che avere semplicemente dei " bei addominali scolpiti". (di più: gli esercizi che normalmente e senza consapevolezza vengono svolti per scolpire gli addominali provocano una eccessiva attivazione della muscolatura esterna e senza un'adeguata compensazione di quella interna si crea un pericoloso squilibrio che spesso provoca a nostra insaputa dolori e problemi alla schiena.)

Speriamo, con queste poche righe, di aver contribuito a diffondere la concezione che la zona del "core " è la parte centrale della funzionalità del movimento umano e, considerando anche lo stile di vita moderno,  va opportunamente e costantemente allenata.

Gli esercizi con le palle rientrano nei programmi dell'
Allenamento Funzionale (functional training), l’allenamento finalizzato a migliorare il movimento, l'allenamento che aiuta il nostro corpo ad effettuare tutto ciò che gli richiede la vita quotidiana. Negli U.S.A. l'allenamento funzionale è una realtà consolidata da tempo, in Italia si sta diffondendo lentamente, ma avrà sicuramente successo, anche se è indicato soprattutto a coloro che non hanno paura della fatica fisica.......
I quattro pilastri su cui si lavora con l'allenamento funzionale sono:
core (strenght+stability)
catene cinetiche intese come movimenti che comprendono l'azione contemporanea di più muscoli, fasce, articolazioni,
equilibrio e propriocezione,
forza di gravità: è la forza esterna con la quale dobbiamo in ogni momento fare i conti, che dobbiamo riuscire a far fluire attraverso il nostro corpo nel migliore dei modi.


Riassumiamo brevemente ed in modo che tutti i lettori possano capire i


....Concetti che possono essere sviluppati con.....
l'utilizzo delle palle in vendita in questo sito web:


- Rilascio miofasciale:
in presenza di aderenze fasciali il nostro stato di benessere è compromesso; i programmi
tradizionali di allenamento, stretching, ed altro dedicati alla salute della persona non possono essere
completi se chi insegna non conosce, non tiene in considerazione, non trasmette, le caratteristiche della
fascia.
- Postura e Ginnastica Posturale:
Postura, è la posizione assunta dal nostro corpo nello spazio, il modo di essere e di relazionarsi con ciò  che ci circonda. La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress,   
traumi fisici ed emotivi, posizioni mantenute scorrettamente in ambito professionale, respirazione scorretta,
squilibri derivati da una scorretta alimentazione, ecc. Postura non è l'immagine di "come teniamo il corpo
quando siamo fermi", ma il risultato di come muoviamo il nostro corpo considerandolo nell'insieme.

- Coordinazione motoria:
per coordinazione motoria si intende la capacità di produrre una sequenza fluida ed amoniosa di movimenti
nella maniera più efficace. Apprendere un nuovo movimento, controllarlo e regolarlo, adattarlo e trasformarlo in base alle necessità, sono attitudini parte della coordinazione motoria generale.

- Prevenzione:
gli esercizi sulle palle sono ottimi per la prevenzione di infortuni nella pratica sportiva e di dolori della vita quotidiana come torcicollo, mal di schiena, problemi causati da gesta ripetitive compiute nell'arco della giornata, dolori alla spalla, ecc. Ricordiamo ad esempio che il programma minimo per la prevenzione della lombalgia prevede esercizi per aumentare l'elasticità della schiena, il tono dei muscoli addominali e dei quadricipiti
- Core ability (core strenght + core stability):
Definizioni:
core stability  è la capacità di stabilizzare la colonna vertebrale come risultato dell'attività muscolare ( per capirci in parole povere: è inutile avere un'auto da 500 cavalli se non riesco a gestirne la potenza o ancora meglio, avete mai visto lo sparo fatto da terra di un mortaio? Più la base è stabile e maggiori saranno la gittata e la precisione del tiro )
core strenght è la capacità dei muscoli di produrre potenza attraverso la forza contrattile e la pressione     intra addominale
- Allenamento funzionale:
si lavora (inizialmente sotto la guida del trainer)  nei tre piani di movimento nello spazio,  si lavora molto sulla   propriocezione, core strenght e stability, consapevolezza di ciò che si fa, reattività e forza esplosiva.Si riacquisisce la consapevolezza del corpo per raggiungere livelli elevati di efficienza fisica ri-apprendendo i movimenti naturali, composti da sequenze fluide ed omogenee. I muscoli, i tendini, le articolazioni del nostro corpo non sono stati creati per funzionare in modo isolato: si stanno già vedendo in alcuni centri attrezzature che propongono l'allenamento simultaneo di più catene muscolari a differenza di altri in cui si continua a lavorare sul singolo muscolo.
- Equilibrio:
l'equilibrio dipende dall'abilità nell'integrazione dei segnali visivi con le informazioni provenienti dai canali dell'orecchio interno e dai recettori muscolo fasciali. L'esperienza insegna che questa capacità può essere migliorata con la sperimentazione di diversi movimenti soprattutto durante l'adolescenza.
- Stabilizzazione:
La stabilità è l’abilità di controllare la forza ed il movimento.
- Consapevolezza:
avere la mente presente che lavora e coopera attivamente per raggiungere un obiettinvo. Anche pochi minuti al giorno avranno effetti positivi. Prestando attenzione al vostro corpo mentre  eseguite gli esercizi è più probabile che riusciate a migliorare la vostra postura.
- Propriocezione:
Il nostro sesto senso !
Percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio è di fondamentale importanza nel meccanismo di controllo del gesto motorio.La propriocezione è il nostro sesto senso. Tra tutte le percezioni sensoriali è una tra le più importanti, ma di cui meno ci accorgiamo per il semplice motivo che è "sempre accesa". Se sentiamo un cattivo odore ci tappiamo il naso, se vediamo qualcosa di brutto chiudiamo gli occhi, se ci da fastidio un rumore ci tappiamo le orecchie. La propriocezione no, c'è sempre. Se nella nostra vita avessimo conosciuto solo il giorno e la luce, sarebbe semplice spiegare agli altri il buio e la notte? Purtroppo con gli anni che passano oppure a causa di qualche incidente il nostro sistema propriocettivo può affievolirsi o essere compromesso. Il senso del bilanciamento è regolato anche da un piccolo sistema ( sistema vestibolare ) di tre canali semicircolari che si trova all'interno dell'orecchio specializzati nel codificare la gravità e l'accelerazione. Questi canali contengono un fluido che si sposta continuamente in base ai nostri movimenti. All'interno di questi canali ci sono dei piccoli "sensori" in grado di inviare le informazioni percepite al cervello.Il cervello userà queste informazioni per crearsi una chiara mappa tridimensionale del mondo circostante. Il sistema vestibolare è collegato con numerosi altri organi sensoriali, come ad esempio gli occhi; così se scuotiamo il capo mentre stiamo leggendo queste righe potremo ancora riuscire a leggere. La scoperta più bella però è sapere che il sistema vestibolare è "intimamente" connesso al tatto, al tocco. Con l'età tendiamo a perdere la capacità propriocettiva ed acquisire una postura un po' "traballante", ma massaggiando nei dovuti modi ed opportune zone la pianta dei piedi possiamo ritardare questo processo di invecchiamento ed invertire la rotta recuperando anche parte del perduto.


La pianta dei piedi ha degli specifici sensori che inviano informazioni al cervello ogni volta che vi viene esercitata una pressione; i "dati" inviati si combinano alle altre informazioni che arrivano dal sistema vestibolare ed altri organi sensoriali. Diabete e scarsa circolazione possono peggiorare la situazione irrigidendo la pianta del piede che diviene meno sensibile. Un ingegnere medico americano ha inventato una soletta da inserire all'interno della scarpa che vibra: il suo spot è che una persona ottantenne riesce a ripristinare il suo sistema propriocettivo come fosse quello di un trentenne. La natura gli da ragione ed ancora una volta la medicina tradizionale cinese ci fornisce un buon esempio. Camminare periodicamente a piedi nudi sopra un percorso formato da pietre e sassi ci migliora il sistema propriocettivo. In Cina si realizzarono nei parchi pubblici percorsi fatti di sassi e ciotoli dove la gente poteva andarci a piedi scalzi ogni volta che lo voleva. Utilizziamo la mini-palla sensoriale ed il miniroll per massaggiarci la pianta del piede utilizzando il nostro peso: costano poco, durano per sempre e sono realizzate con materiali e metodi di qualità certificata.
-
Pilates:
il Pilates non prevede uno schema fisso di esercizi o insegnamenti. Molti istruttori hanno personalizzato un po' la tecnica inserendo sempre più esercizi o strumenti (ad es° la palla)  cercando di  completare i programmi di allenamento con esercizi che portano ad impegnare il corpo su piani combinati di movimento. Powerhouse è la definizione di J. Pilates di quella che oggi è considerata la zona del core.
- Ginnastica dolce: attività fisica caratterizzata dalla bassa intensità con movimenti lenti e graduali in modo da non impegnare il fisico con eccessivi sforzi. E' indicata per persone sedentarie, anziani, chi ha problemi di tipo ortopedico o è in fase di riabilitazione, per chi vuole scaricare dolcemente stress e tensioni.
- Propedeutica: la propedeutica comprende l'insieme delle attività che permettono al bambino di avvicinarsi allo sport che dovrà praticare in modo facile, divertente, veloce, stimolandolo opportunamente con l'obiettivo di coinvolgerlo ed appassionarlo alla pratica sportiva.
Disse Confucio:
" Dimmelo e lo dimenticherò;
mostramelo e probabilmente lo ricorderò;
coinvolgimi ed imparerò"
- Ginnastica di gruppo, per future mamme.
- Anziani
Purtroppo persone molto anziane o comunque gli anziani le cui funzioni fisiche si sono con gli anni affievolite, non riescono ad eseguire gli esercizi sul foamroller, tantomeno sulle palle. Un pensiero rivolto agli anziani però vogliamo aggiungerlo : gli anziani sono molti, chi è in buona salute è un elemento positivo ed importante all'interno della famiglia e società, chi è malato ed invalido molte volte è considerato solo un peso. Ognuno di noi, giovani, potrebbe cercare di prevenire anticipatamente la decadenza fisica dei nostri "vecchi" introducendo nelle loro giornate norme ed abitudini adeguate. Per chi invece ormai si trova in cattive condizioni, qualcosa ancora si può fare. Pensiamo ad esempio se potessimo fare loro un massaggio della zona plantare : per ogni punto dei nostri piedi corrisponde un organo del nostro corpo.  Anche se gli effetti non saranno così evidenti come in una persona adulta senza problemi, qualche vantaggio si può ancora ottenere come ad esempio migliorare le funzioni intestinali ed urinarie spesso compromesse nelle persone anziane. Procuriamoci un libro in cui si parli di "Riflessologia plantare ", l'argomento è alla portata di tutti. E se non si volesse procedere con il piede, ricordiamo che anche nelle mani si trova disegnata come sui piedi la mappa del nostro corpo e quindi analizzandola e stimolando precisi punti siamo in grado di intervenire per migliorare la salute. La cosa importante sarà il calore umano che si instaura tra l'anziano e la persona che sta massaggiandone la mano con affetto e riconoscenza.


Al seguente link ( Riflessologia della mano   385Kb)   trovate la mappatura della mano destra e sinistra con le corrispondenti varie zone del corpo.
Immagini tratte dal libro "Corso base di riflessologia del piede e della mano" di Dalia Piazza, con la collaborazione di Antonio Maglio, edizione Mondolibri s.p.a. , Milano su licenza di Giovanni De Vecchi Editore s.p.a., Milano.)


- Osteoporosi:
L'osteoporosi è una malattia che colpisce le ossa e le rende porose, cioè più fragili e soggette a frattura.
Purtroppo per molte persone i sintomi premonitori sono le conseguenze cioè una frattura oppure uno schiacciamento vertebrale. I fattori di rischio sono la predisposizione ereditaria ( avere altri casi in famiglia), cattive abitudini alimentari con carenza di assunzione di calcio e vitamina D, mancanza di adeguata attività fisica.
L'osso è un tessuto vivo che si modifica continuamente e continuamente si ripara. Ogni anno circa il 10% della nostra massa ossea viene rinnovata.
Lo scheletro risponde all'esercizio fisico, alla sollecitazione muscolare e alla forza di gravità rafforzandosi; viceversa si indebolisce.
L'attività con le palle può essere di aiuto nella prevenzione di problematiche di origine ossea, proprio perchè va a stimolare direttamente le ossa.  
- Stretching:
(esercizi di allungamento) statico e dinamico. Con le palle ed un po' di teoria, riusciamo a mettere in allungamento alcune zone sede dei meridiani energetici, ed effettuare un massaggio in quei punti  dove i meridiani arrivano in superficie (pensare allo Shiatzu, ed alla digito pressione)
- Rilassamento e Benessere mentale:
imparate a movere il vostro corpo sopra la palla con movimenti lenti e delicati;
anche in orario serale, per chi ha problemi di insonnia, potrebbe essere di aiuto eseguire lenti movimenti imparando a  coordinare la respirazione.
Una nota citazione: "La vera bellezza nasce nella mente e si trasferisce al corpo attraverso l'attenzione per se stessi"
- Sistema circolatorio e linfatico:
migliorando il sistema di trasporto dei grossi vasi e dei capillari, li si  aiuta a svolgere al meglio la loro duplice funzione di apportare ossigeno ai tessuti e di asportare i prodotti di rifiuto.
-
Relazioni con il mondo esterno:
il cambiamento e la nuova acquisita percezione della nostra mente al nuovo stato fisico, acquisito con il lavoro sui roller e sulle palle, porterà un cambiamento in positivo nel rapporto che abbiamo con le persone, lo spazio, il tempo, il linguaggio, la sessualità.


A seconda del grado di durezza, della pressione di gonfiaggio, delle dimensioni, con le palle si riesce a  lavorare su aree del nostro corpo più o meno ristrette. Abbiamo scelto per Voi sei modelli di palla, che trovate raffigurati nelle immagini sottostanti, ottime per eseguire una vasta gamma di esercizi utili per il rilascio miofasciale. Le stesse palle possono essere poi usate per scopi tradizionali: pensiamo ad esempio al programma di esercizi per migliorare la forza esplosiva che può essere eseguito con le palle mediche, a quanti esercizi di ginnastica dolce, ginnastica per anziani, per donne in gravidanza possiamo fare con la palla morbida, alla riflessologia plantare ed a come possiamo utilizzare la mini palla sensoriale in questo ambito.

 

Questi prodotti sono pensati e progettati  per l'utilizzo professionale. Sono allo stesso tempo consigliati per il livello amatoriale, perchè chi li acquista ha la certezza  di avere tra le proprie mani un prodotto di assoluta qualità ad un prezzo di sicuro interesse.
Sono prodotti che vanno a diretto contatto con il nostro corpo, i nostri abiti, entrano nelle nostre stanze, vengono toccati dai nostri bimbi. Diffidate di prodotti economici, realizzati con materiali di dubbia qualità e provenienza.
Durano praticamente per sempre, scegliete bene!

I materiali utilizzati e l'intero ciclo produttivo sono certificati e costantemente monitorati con severi test e processi, in base a precise normative nazionali, europee ed internazionali.

 
 
 
 


Avanti

Torna ai contenuti | Torna al menu